#Associazione culturale · #cultura · #lavoro · #pensieri in libertà · aggiornamenti · assocazione · assocazioni · associazione · associazioni · associazionismo · confusione · moduli · news · riforme · riforme all'italiana · terzo settore

4 dicembre martedì:è tempo di…..

source

L’oggetto di oggi è: rullo di tamburi …..  “il MODULO”

anzi la pila di moduli……e di documenti!

pila-di-documenti-isolati-su-sfondo-bianco-mucchio-di-documenti_38480-573

Questo è l’incubo che in questo periodo assilla chiunque gestisca un’associazione e un’attività di impresa:  Moduli, per i contributi, Bilanci, Relazione di fine anno, moduli per partecipare a qualche  bando, aggiungiamoci qualche richiesta extra per l’ultimo evento dell’anno e il gioco è fatto.

Quando ho iniziato quest’avventura con l’associazione non avevo minimamente idea di quanta carta avremmo stampato in dieci anni di attività e credetemi è tanta, ma veramente tanta.

In questi anni la “semplificazione” della burocrazia che doveva divenire digitale e friendly, ha invece scatenato la follia dei passacarte.  In Italia si conosce da tempo immemore la passione degli organi amministrativi per la modulistica  e nel mondo siamo famosi anche per questo.  Vi ricordate un mitico spezzone del lungometraggio di ASTERIX & OBELIX (Le dodici fatiche di ASTERIX)?

Ad un certo punto sfiniti dalla ricerca di questo fantomatico “Modulo 38”  i nostri eroi si inventano un modello inesistente e riescono a mandare in CRASH tutto il sistema.

Ed’è una cosa, quella di far saltare il banco, che spesso vien voglia di fare di fronte alla ennesima richiesta di carte.  Il bello è che i vari ausili digitali  inventati e messi a disposizione delle amministrazioni pubbliche, non hanno sostituito come si sperava le copie cartacee……certo si potrebbe dire che in fututro magari lo faranno…. ma io nutro delle grandi perplessità.  Il fatto è che oggi per ogni documento digitale presentato, deve esistere copia protocollata cartacea a parte… e se non la stampi tu la stampano loro!

Nell’era digitale tutto ciò sembra anacronistico ma noi Italiani siamo previdenti: metti che arrivi una tempesta magnetica su tutta la terra, noi avremo allora un sacco di copie cartacee …… di tutto….e saremo salvi. Che ne pensate, siamo o non siamo un paese previdente?

L’area 51 con tutti i suoi segreti ed i suoi documenti ben custoditi, non sono niente se messi a confronto con qualsiasi archivio, di qualsiasi ufficio italiano, pubblico o no che sia!  Ogni tanto qualche documento inatteso spunta da qualche parte e tutti urlano allo scandalo…. e chi pensa che il digitale ci verrà in aiuto anche per scoprire i più oscuri segreti del paese è un folle o una persona molto ingenua.

A noi associazioni, quelle registrate e facenti parte del terzo settore, ci aspetta per l’anno prossimo una piccola rivoluzione che non ridurrà hainoi la burocrazia ma la espanderà a livelli ….. che noi poveri esseri umani non abbiamo mai visto….. La riforma del terzo settore, introdotta dal governo Renzi in coda alla sua “sfortunata” legislazione (per non dir altro), metterà molti enti e molte organizzazioni in seria difficoltà. E’ pur vero che, come per tutti i cambiamenti, ci si adatterà sicuramente nel corso degli anni, ci sono però tutti i presupposti affinché il periodo di transizione duri parecchio. In questo vuoto normativo che si verrà a creare, dato che  la maggior parte dei decreti attuativi mancano,  e grazie anche ad una fumosa redazione della riforma, che rende la legge molto interpretativa…. la confusione sarà garantita. Questo offrirà, a  chi vorrà fare il furbo, un sacco di possibilità, a scapito di tutti quelli che si sono sempre comportati correttamente.

Per la gioia dei passa carte, si aggiungeranno moduli e pratiche da redigere, entro il 3 – di agosto 2019 vedremo un picco di modifiche statutarie da parte degli ETS (enti del terzo settore) che saranno obbligati a metter mano agli statuti per adeguarsi alle nuove regole e mantenere le loro posizioni all’interno del nuovo RUNTS (registro unico nazionale del terzo settore).

L’idea di base è quella di equiparare questi enti e queste organizzazioni al concetto di impresa. Si avrà quindi finalmente la nascita della figura dell’ impresa sociale. (SPA, SNC, SRL,….)  Qualcuno dice che sarebbe più importante avere prima gli imprenditori sociali, ma queste sono solo chiacchiere. La conclusione finale di tutto questo è che: le associazioni tanto piccole e quelle tanto grandi non hanno nessun motivo per imbarcarsi e adeguarsi a questa nuova normativa: troppo complessa per i piccoli e limitante per quegli enti grandi che possono permettersi  di pagare.

Per questi fondamentalmente cambierà poco, mentre per tutti gli altri saranno……. volatili per diabetici……. (Azzz…….amari). I passacarte, e burocrati stanno già affilando le penne a sfera e preparandosi  con il tasto sulla fotocopiatrice accesa per un 2019 in cui ci sommergeranno con uno tsunami di carte.

Sono stato un’illuso a pensare che il digitale ci avrebbe salvato….. ora il lavoro è il doppio…. e quindi……. vi saluto e questa sera la basso tra le scartoffie, consapevole che non saranno le ultime.

qui sotto al link trovate da scaricare i due pdf quello relativo al decreto del  3 luglio 2017 ( riforma terzo settore) e quello dell’agosto 2018 con il primo di una serie di decreti di modifica.

pdfriforma terzo settore pdf (1)

pdf (modifica di agosto 2018)

P.S: A proposito mi stavo dimenticando che per poter leggere i prossimi giorni del calendario dell’avvento……. c’è da scaricare l’apposito modulo ed inviarlo a …………..all’anima de chi….t’ammmort!

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...