#convivenza · #cultura · #Formazione · #futuro · #HIV · assocazione · assocazioni · associazione · associazioni · associazionismo · autoanalisi · covid 19 · news · post quarantena · quarantena · questionario

Ciao come stai? …….mmmmmh

Bella raga…….un’abbraccio, una stretta di mano e poi via,  a seguire: un come stai oggi?   e il silenzio cala nella stanza. Oggi va così…. al “Ciao come stai?” ci si può porre la domanda, lecita,  se chi ti risponde stia o no bene ….intendo in salute e senza VIRUZZZ.

Un dilemma questo che mina le fondamenta del nostro vivere sociale….a fartela potrebbe essere chiunque: conoscente, amico, parente, figlio o genitore che sia!

Questa è secondo me la cosa peggiore che questa epidemia scatena o scatenerà  (dovesse durare troppo allungo). Oggi in questo clima, devo essere sincero, mi sento un pelo a disagio: io sono una persona molto espansiva che ama, abracci, baci, strette di mano e trovarmi a dover guardare con sospetto chiunque, salutandolo da lontano mi rende molto infelice. Non sò voi ma in questo clima da esercito dalle dodici scimmie, ogni giorno che passa mi rende più nervoso……no anzi irritato e suscettibile.  No credetemi non è psicosi…. per certi versi me la sono anche un pò messa via; forse come molte altre persone, e quindi pur cercando di far finta di niente anche, se sono preoccupato, ogni mattina mi sveglio, faccio un bel respiro e dentro di mè dico: INSHALLAH.

Ora non voglio passare per il credente che non sono, sono nato ateo e molto probabilmente ci morirò, qualcuno ha pensato bene un giorno di battezzarmi e darmi una cristianità che non ho mai richiesto e dalla quale mi sono allontanato tempo fa. Da questa religione comunque ho imparato qualcosa, che cosa vi domanderete!  AMA IL PROSSIMO TUO………. il resto credetemi non serve, fa solo confusione: del resto se uno non ama se stesso, come farebbe ad amare qualcun’altro? . Nella situazione in cui ci troviamo capisco che potrebbe sembrare strano come precetto…..  come poter amare qualcun’altro se ti tocca farlo a distanza, senza avere interazioni fisiche sociali di nessun tipo? Certo baci, abbracci, strette di mano sono solo manifestazioni, di rispetto e amore e  se ne può facilmente fare a meno….. il problema  è che  questo contagio non sta solo cancellando questi gesti di cortesia ma pone distanze tra le persone ben maggiori di “un metro o due di sicurezza”. Il solco tracciato è una ferita nella società che sarà difficile rimarginare velocemente….. speriamo che alla fine di tutto ciò, non ci restino altro che faccine e manine nei messaggi di WTPS.  IO comunque a piegarmi a questa situazione non ci stò…. certo non ho nessuna intenzione di mettere in pericolo me stesso o i miei cari o i miei amici, ma non mi posso nemmeno rassegnare  al fatto  di non poter manifestare la mia felicità o il mio piacere di incontrare conoscenti, amici e parenti.

Una cosa è certa questa crisi ricalibrerà tutto. Politica, economia, società…. ambiente …….ehhhggggià pure l’ambiente ( con tanta felicità di Greta). Ad esclusione di quest’ultimo punto, siamo proprio sicuri di volere tutto questo…. ci sono voluti decenni dopo la seconda guerra mondiale per ricostruire il mondo e arrivare a creare la società che avevamo, fino all’inizio di questa epidemia e per paura e panico stiamo letteralmente mandando in vacca tutto.  A essere preciso non propio tutto….infatti, a parte l’ovvio plus del mondo delle farmaceutiche, il digitale sta alla grande……e funziona a pieno regime… per ora almeno. Questo ci permette di vivere ancora una certa normalità, di lavorare, contattare i nostri amici, di alleggerire la giornata e di pensare, anche se per 5 minuti, a qualcosa di diverso da quello che stiamo vivendo. Cosa però lascerà dietro di se, questa pandemia? Quello che è sicuro è che il mondo che troveremo fuori di casa, dopo la quarantena o ottantena, non sarà più lo stesso e con lui anche noi. Borse che crollano, petrolio che precipita,  stati che collassano, società ed aziende che chiudono o molto probabilmente lo faranno. Staremo su con le orecchie e con le antenne dritte… i cambiamenti saranno all’ordine del giorno. Ci dicono che dobbiamo cambiare abitudini e come potremmo non farlo? Una cosa è ormai certa; alla fine di tutta questa storia saremo tutti più poveri e non mi riferisco ai soldi.

Ora da più di un mese siamo tutti obbligati a starcene comodamente e distesi nella nostra spiaggia privata, in attesa della prossima onda ma non sappiamo cosa il mare ci porterà. Speriamo bene!  Io intanto ho passato  quest’ultimo tempo a recuperare le cose  da fare lasciate indietro in casa…. ma a breve anche queste finiranno e quindi che fare?  Tra quelli che non hanno un lavoro fisso, penso di non essere l’unico a domandarselo.

Come sopravvivere a tutto questo, vi domanderete, io aggiungo a questa domanda come sopravviveremo a quello che verrà dopo? Certo penso che nessuno sia così ingenuo da non aver capito che il mondo che conoscevamo prima di sta cosa, ce lo possiamo proprio dimenticare e buttare alle spalle. Il mondo che troveremo quando uciremo dalla quarant-ottant-ena sarà completamente diverso.  Nessuno ha la sfera di cristallo per prevedere come sarà

Ora voglio concludere questo post con una nota positiva….. io ho fiducia che si torni alla normalità velocemente, ne sono convinto.  Nel mentre cercherò di pensare in modo laterale e sono sicuro che un modo per farmela passare lo troverò…. e in tutto questo la mia fiducia nel prossimo sono sicuro non perderò! Vai che ti ho fatto la rima.

Prima di lasciarvi sul serio voglio aggiungere, come si fa a briscola il carico.  Eccovi un questionario fatto dai ragazzi del I.S.I.S. “F.Nightingale”  di Castelfranco, Liceo di Scienze Umane, che si stanno dando molto da fare per fare una ricerca sociologica a riguardo del tempo che stiamo vivendo. Possiamo tutti dargli una mano e rispondere a questo link …. Ci daranno poi gli esiti e li ripubblicheremo nel nostro sito. Chissà che non salti fuori dalla loro indagine qualche dritta o suggerimento per venir fuori da questa situazione.

https://docs.google.com/forms/d/1Udn-QeisIxQzik2tJLEXXd0Jt_458Ms2Wo8xuhOTG2M/viewform?edit_requested=true

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...